Bollettino del 29 novembre 2015

Bollettino del 29 novembre 2015

By In Bollettino On 30 novembre 2015


Prima domenica di Avvento
29 novembre 2015 – (I settimana del Salterio)

Letture:
Geremia 33,14-16; Salmo 24;
1 Tessalonicesi 3,12-4,2;
Luca 21,25-28,34-36

COLLETTA
Padre Santo, che mantieni nei secoli le tue promesse, rialza il capo dell’umanità oppressa da tanti mali e apri i nostri cuori alla speranza, perché sappiamo attendere senza turbamento il ritorno glorioso del Cristo giudice e salvatore. Egli è Dio…

La Chiesa primitiva insisteva molto sulla vigilanza (vangelo). Bisogna tenersi pronti per il ritorno imminente del Signore che sarà imprevedibile, sarà una sorpresa come la visita inattesa di un ladro. Ma nell’anno 70, un avvenimento segnò profondamente l’idea dei credenti sul ritorno del Signore: la distruzione di Gerusalemme richiamava ad Ebrei e cristiani la fine del mondo.
Nel vangelo di oggi tutto è descritto come se si trattasse di una catastrofe cosmica che scuote gli astri e getta gli uomini nella massima confusione. Luca non intende necessariamente annunciare la fine del mondo: egli ricorre al genere letterario delle apocalissi per dire che la caduta di Gerusalemme sarà una tappa decisiva per instaurare il Regno di Dio sul mondo. La conclusione che dall’avvenimento hanno tratto i primi cristiani è importante: il ritorno del Signore ha per la vita presente un’attualità permanente e imprevedibile.

NOVENA

IN PREPARAZIONE ALLA FESTA DELL’IMMACOLATA

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

  • O Dio, tu hai voluto privilegiare la santa Vergine Maria esentandola dalla colpa originale, per cui il nemico infernale mai poté col suo soffio avvelenato toccare quella verginale creatura, tanto cara ai tuoi occhi.
  • Noi, invece, non solo siamo stati contaminati dal tocco maligno del serpente insidiatore, ma molte volte siamo caduti volontariamente in peccato. Dacci un cuore puro e retto perché, sull’esempio di Maria, possiamo amarti di vero cuore, dacci un cuore nuovo e lavaci dalle nostre colpe. Ave Maria…
  • O Dio, tu hai amato immensamente Maria e l’hai portata ad un eccelso grado di santità, a quella gloria sublime che da noi neppure possiamo comprendere, e nella tua provvidenza hai voluto darci Gesù per mezzo di Maria.
  • Noi, dunque, ci raccomandiamo a Lei e Le diciamo: “Tu sei immacolata, o Maria, e macchia alcuna non è in Te: volgi ora il tuo sguardo alle nostre miserie e vedi come siamo inclini al peccato e alle imperfezioni; non ci negare o Madre il tuo soccorso. Aiutaci a custodire i nostri sensi e i nostri sentimenti affinché ci manteniamo sempre fedeli a Dio”. Ave Maria…
  • -Contempliamo o Madre, la tua carità, l’umiltà, la prudenza, la sincerità, la semplicità in cui ti sei esercitata: facci interamente tuoi per essere totalmente di Gesù e allontana da noi tutto quello che può allontanarci da Lui, il frutto benedetto del tuo seno. Salve Regina…

(Da recitare quotidianamente, personalmente o in famiglia, da oggi all’8 dicembre)

Scarica il bollettino in word: 29-11-15


Related Posts