Bollettino del 20 novembre 2016

Bollettino del 20 novembre 2016

By In Bollettino On 20 novembre 2016


Nostro Signore Gesù Cristo Re dell’Universo
20 novembre 2016 – (II settimana del Salterio)

Letture:
2 Samuele 5, 1-3;
Salmo 121;
Colossesi 1, 12-20; Luca 23, 35-43

COLLETTA
O Dio Padre, che ci hai chiamati a regnare con te nella giustizia e nell’amore, liberaci dal potere delle tenebre; fa’ che camminiamo sulle orme del tuo Figlio, e come lui doniamo la nostra vita per amore dei fratelli, certi di condividere la sua gloria in paradiso. Egli è Dio… 

Riconoscendo che Gesù è re, noi crediamo che con lui Dio ha manifestato in modo pieno che la realizzazione dell’uomo può avvenire solo nel conformarsi alla sua volontà. Non c’è azione dell’uomo che non sia sotto il giudizio di Dio, non c’è spazio nella storia che possa fare a meno del rapporto con Dio per mezzo di Gesù. La dottrina della signoria di Cristo ci insegna ancora che la vita a cui siamo chiamati è la stessa vita che ha vissuto Gesù Cristo: vita di servizio ai fratelli. Vivendola noi lo riconosciamo nostro “Re” e diventiamo, come lui, uomini di pace e di riconciliazione. Nella Chiesa di Cristo, come in ogni comunità, il ministero (= servizio) della autorità, è dato non per l’affermazione personale, ma in funzione dell’unità e della carità. Cristo, buon pastore, è venuto non per essere servito ma per servire (Mt 20,28; Mc 10,45) e dare la sua vita gratuitamente a tutti coloro che credono in Lui (cfr Gv 10,11).

ATTO DI CONSACRAZIONE DEL GENERE UMANO A CRISTO RE

Gesù dolcissimo, Redentore del genere umano, riguarda a noi umilmente prostrati innanzi a te. Noi siamo tuoi, e tuoi vogliamo essere; e per vivere a te più strettamente uniti, ecco che ognuno di noi, oggi, spontaneamente, si consacra al tuo sacratissimo Cuore.
Molti, purtroppo, non ti conobbero mai; molti, disprezzando i tuoi comandamenti, ti ripudiarono. O Ge­su, abbi misericordia e degli uni e degli altri e tutti quanti attira al tuo sacratissimo Cuore.
O Signore, sii il Re non solo dei fe­deli, che non si allontanarono mai da te, ma anche di quei figli prodighi che ti abbandonarono; fa’ che questi, quanto prima, ritornino alla casa paterna, per non morire di miseria e di fame. Sii il Re di coloro, che vivono nell’inganno e nell’errore, o per discordia da te separati: ri­chiamali al porto della verità, all’unità della fede, affinché in breve si faccia un solo ovile sotto un solo pastore.
Concedi, o Signore, incolumità e liber­tà sicura alla tua Chiesa, dona a tutti i popoli la tranquillità, la sicurezza e la pace: fa’ che da un capo all’altro della terra risuoni quest’unica voce: Sia lode a quel Cuore divino, da cui venne la nostra salvezza; a lui si canti gloria e onore nei secoli dei secoli. Amen.
(Indulgenza plenaria, se si recita pub­blicamente nella solennità di Cristo Re)

AVVENTO 2016

È tempo favorevole per un ascolto più attento della PAROLA DI DIO e per le OPERE DI MISERICORDIA. Alle Sante Messe domenicali RACCOLTA di generi alimentari a lunga conservazione (pasta, latte, zucchero, olio, passata di pomodoro, dadi, formaggini, biscotti, merendine, cracker, ecc.) e prodotti per l’igiene personale (sapone, shampoo, bagnoschiuma, dentifricio, spazzolini, carta igienica e assorbenti, ecc.). Anche durante la settimana quanto si offre si può deporre nelle apposite ceste in basilica.

CONDIVIDERE I BISOGNI PER CONDIVIDERE IL SENSO DELLA VITA

“Non si può distogliere lo sguardo e voltarsi dall’altra parte per non vedere le tante forme di povertà che chiedono misericordia… Non mi stancherò mai di dire che la misericordia di Dio non è una bella idea, ma un’azione concreta… La misericordia non è un fare il bene “di passaggio”, è coinvolgersi lì dove c’è il male, dove c’è la malattia, dove c’è la fame, dove ci sono tanti sfruttamenti umani… La verità della misericordia, infatti, si riscontra nei nostri gesti quotidiani che rendono visibile l’agire di Dio in mezzo a noi… Voi esprimete il desiderio tra i più belli nel cuore dell’uomo, quello di far sentire amata una persona che soffre.”
Papa Francesco ai partecipanti al Giubileo degli Operatori di Misericordia,3 settembre 2016 Per sperimentare quanto ci ha detto papa Francesco, ti invitiamo a vivere con noi la COLLETTA ALIMENTARE sabato 26 novembre.


Related Posts