Bollettino del 12 aprile 2015

Bollettino del 12 aprile 2015

By In Bollettino On 11 aprile 2015


Seconda domenica di Pasqua o della Divina Misericordia
12 aprile 2015 – (II settimana del Salterio)

LETTURE:
Atti 4,32-35;
Salmo 117;
1 Giovanni 5,1-6;
Giovanni 20,19-31

COLLETTA
O Dio, che in ogni Pasqua domenicale ci fai vivere le meraviglie della salvezza, fa’ che riconosciamo con la grazia dello Spirito il Signore presente nell’assemblea dei fratelli, per rendere testimonianza della sua risurrezione. Per il nostro Signore…

Gli Atti degli Apostoli presentano nella prima lettura di oggi l’unità come caratteristica della prima comunità cristiana dove «la moltitudine… aveva un cuore solo e un’anima sola… e ogni cosa era fra loro comune». È un’immagine, per così dire, idealizzata, teologica, che coglie ed esprime l’essere profondo della comunità dei credenti; la realtà per la quale aveva pregato Gesù nell’ultima cena: «… che siano tutti una cosa sola… affinché il mondo creda» (Gv 17,21). La realtà esistenziale non trova pieno riscontro in questa immagine. Lo stesso Luca non tarderà ad annotare che anche tra i cristiani esistono mediocrità, contrasti e tensioni (cf At 5,1-2; 6,1; 15,36-40). Tuttavia, pur guardando in faccia la verità dei fatti, si cerca di appianare i dissensi attraverso atteggiamenti di disponibilità alla riconciliazione, al servizio verso chi è nel bisogno, alla salvaguardia della pace pur attraverso la separazione: l’essere «un cuore solo e un’anima sola» non è mai una realtà che si possiede una volta per tutte; ogni comunità deve continuamente riconquistare questa realtà in ogni contesto, in ogni situazione nuova che si presenta, senza mai cedere allo scoraggiamento.

Scarica il bollettino: 12-04-15